Dopo l’incontro FSP-ANFEDIPOL presso la struttura di missione del Ministero degli Interni abbiamo il piacere di pubblicare una nota del presidente di ANFEDIPOL Gaetano Barrella, che accompagna la risposta del Ministero sulla disciplina transitoria relativa alle funzioni.

Con questa nota, ci piace osservare come Barrella chieda una riflessione politica su quanto è successo negli ultimi giorni.

 

Carissimi,

nel trasmettervi la nota di risposta che la struttura di missione ha inviato alla FSP sulla questione relativa alla fase transitoria relativa alle funzioni, vi invito ad una attenta riflessione.

Questa nota è arrivata quasi in contemporanea, con la risposta da parte dello stesso ufficio, ad altra Organizzazione Sindacale.

Nell’affermare che sono assolutamente legittimi tutti gli interventi, vi invito ad analizzare le differenze che esistono ed emergono leggendo le due note.

In queste differenze, la sintesi del perché è stato necessario far nascere Anfedipol e del perché è assolutamente necessario farlo crescere.

La nota inviata alla FSP, è successiva all’incontro, cui lo scrivente era presente, che si è tenuto il 29 u.s. presso la struttura di missione con il Direttore Ianniccari ed il Dottor Caliendo.

Se vogliamo essere rappresentativi rispetto alle nostre questioni, quelle specifiche della nostra categoria, facendo la differenza, è necessario esserci. E per esserci, Anfedipol è la strada percorrribile.

In particolare, mi piacerebbe che queste affermazioni fossero recepite da chi ha criticato e combattuto la nascita di Anfedipol ritenendo che si doveva restare comitato, in questi fatti, penso ci sia la risposta.

Un abbraccio a tutti. 

gbarrella