A seguito di una nota in cui viene richiesta l’aggregazione di personale fuori sede con indirizzo di inviare solo personale appartenente alla qualifica di commissario ( e vice-commissari, qualifica però in cui attualmente non vi è alcun appartenente) ANFEDIPOL ha chiesto di conoscere i motivi di tale irrituale indicazione.


Di seguito la nota sindacale per esteso.

    In relazione alla nota del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni n.300-D/2015/02264 Cat A4f/1 del 10.04.2020, che fa riferimento a specifiche necessità rappresentate dalla Direzione Centrale per le Risorse Umane, si chiede di potere far conoscere, ove possibile, le motivazioni che hanno portato - come indicato nella nota di cui trattasi - a pianificare l'impiego in O.P. sul territorio nazionale esclusivamente di Funzionari con la qualifica di “Commissario/Vice Commissario”.

    Non si comprende inoltre quali sarebbero i Funzionari con la qualifica di 'Vice Commissario' impiegabili dato che, come noto, si tratta di una posizione gerarchica reintrodotta solo con il d.lgs. 95/21017 rivestita esclusivamente durante la frequenza del corso, prima dell'esame finale di profitto.

Vi è forte perplessità circa la scelta esclusiva della qualifica di base che, a parere della scrivente, risulta anomala poiché contravviene a tutte le indicazioni di consueto adottate in tali contesti operativi.

    Infatti, di norma, nei servizi di O.P. fuori sede, é sempre stato preferito e privilegiato l'impiego di Funzionari giovani rispetto a quelli più anziani in quanto i primi presentano di sicuro minori problematiche legate alle condizioni fisiche che, viceversa, sono spesso parzialmente compromesse per i secondi, data la loro avanzata età.

    Ciò premesso, sfugge il razionale del perchè, in questa occasione, la Direzione Centrale per la polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti speciali della polizia di Stato, abbia interrotto una consolidata consuetudine, individuando oggi esclusivamente personale anziano che, rappresenta quello con età elevata ed un numero di anni di servizio effettivi che si assesta tra i 30 e i 40 e che, quindi, rappresenta, a parere di questa O.S., quello (dal punto di vista fisico) che normalmente risulta meno idoneo per l'espletamento di quei servizi che prevedono prolungati periodi fuori sede.

    Pleonastico, in questa sede, specificare quali siano, i motivi dell'obiezione riguardante l'età dei Funzionari da impiegare in O.P. fuori sede mentre è irrinunciabile richiamare l'attenzione sul fatto che l'impiego in servizi del genere potrebbe costituire un'utile occasione - se non altro per fare un po’ di esperienza - per il personale fresco che svolge servizio nell'Amministrazione solo da qualche anno o da pochi mesi.

Nel ringraziare per la cortese attenzione si propone che le indicazioni di cui trattasi possano essere revisionate e sarà gradito un urgente riscontro.

Con i migliori saluti.

Firenze, 08.04.2020 


In conclusione le immagini della nota Ministeriale in originale e la nota sindacale di risposta.